O zeneise in te scheue 2010

Gli alunni raccontano

Il Teatro Ariston pieno di persone, i bambini delle prime file molto agitati e in ansia: era questo lo stato d’animo della gente che si preparava a partecipare e ad assistere alla seconda edizione de: “O zeneise in te scheue”. Grazie all’aiuto di “ nonno Bruno”( Bruno Minardi) che da settembre cerca di insegnarci a parlare in dialetto, all’associazione “O Leûdo e alle maestre delle classi terze, quarte e quinte di Pila ,S.Vittoria e via Lombardia siamo riusciti a cavarcela! Le classi 3 e 4 indossavano una maglietta bianca con disegnata la lanterna di “Zena” e un cappellino blu di carta crespa arricchito da un pon-pon rosso per imitare il berretto tipico dei pescatori Sestresi. Le classi 5, impegnate a recitare due commedie scritte da nonno Bruno e ambientate in periodo lontano nel tempo, indossavano costumi “all’antica” cuciti dalle mamme e dalle nonne. Scoccate le 15 e 30 la recita ha avuto inizio tra gli applausi e, emozionatissimi, abbiamo cantato,recitato e ballato. Alla fine alcuni membri dell’Associazione” O Leûdo” sono saliti sul palco,insieme all’Assessore alla cultura Valentina Ghio, a distribuire premi alle classi che hanno partecipato. Ma noi vogliamo dire un grande grazie a nonno Bruno perché ci vuole bene e perché senza di lui non avremmo vissuto questa grande emozione.

Leave a Reply