O Confêugo

A çeimònia do Confêugo l’ha prinçipio ‘nto sécolo XIV°, a-a vigilia do Dënà (Natale) do 1307 (milletrexentosette). Jacopo Gropallo, Abbòu (abbäte) da Val Besagno, l’è andæto da-i Capitanï do Pòpolo de Zena portando in regallo ‘na pianta de öfeuggio. L’usansa a l’inträva ‘nto costumme do pósto: l’offèrta l’èa fæta daprimma a-i Capitanï do Pòpolo e, dappeu se dixe circa na trentenn-a d’anni dòppo, a-o Duxe.

A çeimònia l’éa o salùo de Cappo d’anno, o regallo do pòpolin a-e ciù èrte càreghe do Stato e o scangio de auguri pé l’anno neuvo che in quello tempo o scomemsâva o 25 de Dexembre, giorno da nascita de Gëxù. O regallo ciù scignifìcativo l’éa rappresentou da-o teu de öfeuggio ‘n scî rammi do quæ vegnivan ligæ di frexetti gianchi e rosci (cô do Genovesato). Ogni anno a mattinn-a do 24 Dexembre l’Abbòu vestïo con a toga, collaen e beretta senatôia o l’andava in Besagno, onde o l’incontrava o neuvo Abbòu a-o quæ o consegnava o confalon de SanZorzo e a pergamenn-a con a lista de domande e di mogogni. O neuvo Abbòu, ascì, o faxeiva retorno in çittæ portandose appreuvo a pianta de öfeuggio guarnia di frexetti ‘n sce in cäro trainou da beu, accompagnou da-o Scìndico do so Villaggio e da unn-a porcescion de contadin e caroggê, portòui de bandëe e scòrtou da 25 granatê. O percorso o se desnodâva da Ponte Sant’Agâ, attraversâ Pòrta Romana e Pòrta d’Archi pe finî ‘nta corte davanti o Palassio Ducale onde, dòppo aveighe lasciou o teu de öfeuggio, se n’andâva a conferî da-o Duxe.

A sto ponto, l’Abbòu rappresentante o Pòpolo o regallâva a-o Duxe in masso de sciöi fìnti augurandughe e “Bonn-e Feste” e riferendo consciderassion e mugugni di abitanti e e condissioin da Valle rïçevendo, in cangio in bigetto da 100 lïe da Banca de SanZorzo. A seia da vigiglia do Santo Dënâ, o teu de öfeuggio vegniva bruxòu (confeugo) e a çeimonia vortâva a-o tèrmine quande o Duxe o ghe versava sorve in’àmoa de vin, succao e confettüe. I tisson do Confeugo ean ritegnùi sacri, magici e con poeì de prosperitæ pé o quæ o Comun o doveia provedde a destribuili tutti e in paigia mezüa a-i çittadin che ne reclamavan o possesso.

Into tempo e dòppo varie traversie a çeimònia a vëgne “soppressa e rimissa”, finn-a quande, ‘nti anni 50 (1950) l’è stæta riportâ in viltà da l’Associasion Zeneize “A Compagna” che a l’ha azzonto a quante sciù espostu l’offerta a-o Duxe (Scìndico) da çittae de Zena o regallo do “Tondo de Natale “. L’è stæto coscì repiggiou o “rito” propissiatoio do “CONFEUGO”.

Vittorio “Rino” Biggi

Traduzione

La cerimonia del Confeugo ha origine nel secolo XlV° quando, alla vigilia del Natale del 1307, Jacopo Gropallo, Abate della Val Bisagno, si recò dai Capitani del Popolo dì Genova recando in omaggio una pianta dì alloro. L’usanza entrò nel costume locale: l’offerta era fatta dapprima ai Capitani del Popolo (podestà, ai Capi del Comune, poi ai Capitani del Popolo e, in epoca successiva si dice circa trent’anni dopo, al Doge.

La cerimonia era il saluto dì Capodanno, l’omaggio del popolo alle più alte cariche detto Stato e lo scambio di auguri per l’anno a venire che in tale epoca aveva inizio il 25 Dicembre, giorno della Natività dì Gesù. Il dono più significativo era rappresentato dal tronco dì alloro sui rami del quale venivano legati dei nastri Bianchi e rossi (colori del Genovesato). Ogni anno la mattina del 24 (Dicembre l’Abate vestito con la toga, collare e berretto senatorio si recava in Bisagno, dove incontrava il nuovo Abate, quindi, faceva rientro in Città portando seco la pianta dì alloro adorno di nastri su un carro trainato da buoi, accompagnato dal Sindaco del suo Villaggio e da un seguito dì contadini e popolani, portatori dì Bandiere e scortato da 25 granatieri. Il percorso si snodava da Ponte Sant’Agata, attraversava Porta Romana e Porta D’Archi per terminare nella corte dì Palazzo Ducale ove, dopo aver lasciato costì il tronco fattore, si recava a conferire dal Doge.

A questo punto, l’Abate rappresentante il Popolo donava al Doge un mazzo dì fiori finti augurandogli le “Buone Teste” e riferendo considerazioni e “mugugni” degli abitanti e le condizioni della Valle ricevendo, in cambio un Biglietto da 100 lire della Banca dì S. Giorgio. La sera della vigilia del Santo Natale, il tronco di alloro veniva bruciato (confeugo) e la cerimonia volgeva al termine allorché il Doge vi versava sopra un boccale dì vino, zucchero e confetti. I tizzoni del Confeugo erano ritenuti sacri, magici e con poteri di prosperità per cui il Comune dovette provvedere a distribuirli tutti e in egual misura ai cittadini che ne reclamavano il possesso.

Nel tempo e dopo varie traversie la cerimonia venne “soppressa e reintrodotta”, fino a quando, negli anni 50 è stata riportata in vita dall’Associazione genovese “A Compagna” che ha aggiunto a quanto su esposto l’offerta al Sindaco (Doge) della Città di Genova il dono del “Tondo dì Natale”.

E’ stato così ripristinato il rito propiziatorio del “Confeugo”.

Vittorio Rino Biggi

Leave a Reply